torna a surriento

Torna a Surriento

La storia

La canzone simbolo della città di Sorrento interpretata dai più famosi artisti mondiali
Placido Domingo, José Carreras e Andrea Bocelli sono solo alcuni dei nomi dei più celebri interpreti che hanno ritenuto di inserire “Torna a Surriento” nel loro repertorio, perpetuando il tour che, da oltre cento anni, fa sì che le note e le parole di questa famosissima canzone continuino ad emozionare le folle di ogni continente.

Prima di loro, star come Luciano Pavarotti ed Enrico Caruso hanno contribuito ad accrescere la fama di quello che viene considerato come uno dei simboli dell’ Italianità nel mondo.
Basti dire che quando - alla fine del ‘900 - il Presidente della Repubblica Sandro Pertini andò in visita ufficiale in Cina, proprio “Torna a Surriento”, fu suonata come inno nazionale.

Frutto dell’ opera di Giambattista ed Ernesto De Curtis, la conosciutissima canzone ha contribuito e contribuisce ad accrescere la fama di Sorrento, terra delle Sirene, nel mondo.
Composta nel 1894 per essere dedicata ad una bella ragazza forestiera, la canzone è finita al centro di storie e leggende che, attorno agli anni ’50, ne avevano quasi compromesso gli aspetti più poetici.

Secondo alcuni, infatti, gli autori l’ avrebbero composta soltanto agli inizi del XX secolo, per ringraziare il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Zanardelli - che dopo aver visitato la Costiera, nel 1902, assieme al ministro Balenzano ed ai Sindaci di Napoli e di Roma - dotò Sorrento di un ufficio postale.

In realtà la permanenza in zona di tante celebri autorità politiche fu brevissima e, comunque, tale da non consentire ai Fratelli De Curtis di elaborare, per la circostanza, quello che è diventato poi un autentico capolavoro.

Studi e ricerche, invece, hanno restituito a “Torna a Surriento” la sua vera origine ed il suo reale significato: quello di messaggio d’ amore e di inno alla bellezza. Un messaggio dedicato ad una splendida donna, ma capace di invitare chiunque ad ammirare lo splendore della Penisola Sorrentina, a lasciarsi incantare da una natura da favola ed a maturare ricordi che non potranno mai più essere cancellati.

il testo

Vide 'o mare quant'è bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato 'o faje sunnà .
Guarda, guà chistu ciardino;
Siente, siè sti sciure arance.
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core se ne va...
E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà .
Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà
Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno:
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha visto comm'a ccà .
Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano 'ncantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasà .
E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnà
Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento
Torna a Surriento,
Famme campà
Ma nun me lassà
Ma nun me lassà
Ma nun me lassà
Ma nun me lassà

ITALIAN CLASS

Courses for US credits

Courses for US credits

Please click here

Test your Italian

   Download now

Please send it to info@santannainstitute.com

Time in Sorrento:

LINGUE STRANIERE

Sorrento Lingue S.r.l.
Registered office: Via Marina Grande, 16 - 80067 - Sorrento (NA) Italy
Headquarters: Via Marina Grande, 16 - 80067 - Sorrento (NA) Italy
Paid in capital: € 50.000,00 I.V. REA: TO-908649
P.IVA 07631160012
Phone: +39 081.807.55.99 | +39 081.878.44.70
Fax: +39 081.532.41.40
Powered by Mosajco CMS
Mosajco